Copyright 2018 - Copyright ©Giulia Boraso

L'Abbazia di Carceri

L’antica Abbazia camaldolese in cui ha sede il Centro di componeva di queste zone:

  • zona pubblica: porta, casa del foresterario, foresteria, piazza, palazzo dell’abate e chiesa.

  • zona privata o di clausura: 4 chiostri

  • zona delle stalle con edifici e aia grande

  • 3 zone dedicate al frutteto e 2 ad orto per i fabbisogni quotidiani della comunità

  • 4000 campi circa di proprietà dell’Abbazia, dati in affitto a contadini locali.

Ora mancano solo due chiostri cadui in rovina nel ‘700. La sua storia, complessa ed avvincente si struttura in questi quattro grandi periodi:

 

  • 6 dicembre 955/8 marzo 1408: Priorato di preti diocesani: fanno vita comune secondo la regola agostiniana e sono a servizio pastorale della zona.

  • 8 marzo 1408/14 aprile 1690: Abbazia camaldolese

  • 2 maggio 1693/8 aprile 1950: tutta la proprietà (eccetto la chiesa) passa alla famiglia veneziana dei Carminati che ne fanno un’azienda agricola

  • 8 aprile 1950/13 novembre 2013: la Parrocchia di Carceri e i Vescovi di Padova, a più riprese, ricomprano le varie parti dell’Abbazia (eccetto le stalle, gli orti e i campi) e cominciano il restauro e la riqualificazione. Nella casa del Foresteriario datata 1100 ha sede il Centro.

Search

f t g m